Ti serve assistenza sanitaria?
06.04.2020  |  Cultura

È normale avere paura

Condividi

di Carlotta Ghironi, psicologa VIDAS

In questi giorni ci abita la paura, una delle più antiche ed istintive emozioni, comune a tutti gli esseri umani indipendentemente dalla cultura e dal luogo di nascita.

La paura è la reazione istintiva che mettiamo in campo per affrontare una minaccia, per fronteggiare un attacco, per difenderci.

La nostra stessa sopravvivenza dipende dalla paura.

È normale oggi avere paura, è normale avere tutti paura: la manifestiamo con modalità diverse, con espressioni personali, ma la paura rimane un comune ‘rumore’ di sottofondo.

Siamo in un territorio sconosciuto, abbiamo perso il controllo e percepiamo in modo più evidente che la nostra vita dipende da altro.

In questi giorni di pandemia, così difficili e complessi, in cui tutto il mondo conosciuto si è sbriciolato fra le nostre mani, convivere e gestire la paura è una delle attività che siamo chiamati a fare quotidianamente, come cucinare o lavarsi i denti.

La paura è l’emozione più difficile da gestire.

Il dolore si piange, la rabbia si urla,

ma la paura si aggrappa silenziosamente al cuore.

Gregory David Roberts

La paura del Coronavirus

La paura del Coronavirus fa parte di quelle che l’antropologo Marc Augè definisce come le ‘nuove paure’, caratterizzanti il nostro secolo.  Ci spaventa qualcosa di indefinibile e difficile da identificare, manca il nemico concreto e il conflitto diretto, questo coinvolge tutta la collettività in modo disorientante.

Il Coronavirus si presenta come un nemico assente, invisibile, intangibile che invade e pervade in modo indifferenziato e si fa portatore di morte. Una morte che oltre ad essere fisica è anche una morte sociale, relazionale ed economica. In questo caso si tratta di una morte simbolica che preannuncia una trasformazione, ma ancora non la possiamo toccare, possiamo solo vivere il senso di perdita.

Per la prima volta stiamo percependo un rischio vero non solo per la nostra vita e per come la conoscevamo prima, ma anche per le persone vicine e per l’umanità intera.

Tutto questo genera una forte emozione che oggi va gestita, per farlo al meglio bisogna conoscerla e conoscere i suoi meccanismi.

Importantissimo è sapere che quando la paura si innesca non è possibile annullarla, dobbiamo necessariamente conviverci perché dipende dal nostro sistema limbico, da una zona del cervello su cui non possiamo intervenire con la volontà.

Quando la paura diventa tossica

Se la paura si protrae a lungo nel tempo, può essere un’emozione altamente tossica. Quando la mente ritiene che ci siano pericoli, l’emozione rimane attiva, siamo ostaggio di ciò che sentiamo. In questi casi la paura non solo ci allontana dalle minacce ma rischia di allontanarci anche dalla vita.

Quando la paura diventa disfunzionale ci sono alcuni campanelli d’allarme che meritano la nostra attenzione:

Importante è agire per disinnescare, creando uno spazio fra l’emozione e l’azione.

Spesso si crede che distrarsi passa fare dimenticare la paura, ma attenzione questo è solo apparente. La paura rimane a continua a far sentire la propria influenza.

In quello spazio che precede l’azione si può:

Nell’attesa possiamo coltivare la speranza e darci un obiettivo ogni giorno, celebrando le opportunità che questo momento ci dona. Possiamo sentire in modo più intenso quanto la nostra natura sia di esseri interdipendenti, alimentando la compassione per gli altri.

La vita si restringe o si espande

in proporzione al nostro coraggio.
Anais Nin

Le paure dei nostri operatori

In questi giorni ho potuto parlare con gli operatori Vidas impegnati sul campo nell’assistenza ai malati, mi hanno raccontato le loro paure e abbiamo visto che spesso sono paure comuni.

La paura di contagiare prevale su tutte. Il rischio che sentono è di non essere più solo coloro che ha cura, ma anche ciò che spaventa di più: coloro che può danneggiare, che inconsapevolmente può portare dolore e morte.

Quando entrano nelle case e si avvicinano ai pazienti vedono il timore nello sguardo dei famigliari, sentono che la loro presenza non è più solo rassicurante ma anche fonte di preoccupazione. Sanno che questa preoccupazione si somma alle altre emozioni che una famiglia sta vivendo in questo periodo tanto delicato, temono di dare un carico eccessivo.

A questo si unisce la paura personale di essere contagiati, di essere esposti ad una situazione di pericolo e di portare nelle proprie abitazioni, ai propri famigliari, la malattia. Oltre alla paura di morire o di veder morire qualcuno caro lontano dai propri famigliari e in solitudine. Chi lavora quotidianamente nelle cure palliative sa che morire soli, senza carezze, senza sguardi famigliari e gentili, è una morte molto dolorosa.

In questi giorni vita privata e vita professionale si intrecciano in modo assoluto, senza più lasciare possibilità di distinzione netta fra l’una e l’altra. Ora più di prima è impossibile lasciare fuori dal lavoro chi veramente siamo.

Siamo tutti chiamati a vestirci con nuovi presidi (le tute, le mascherine, le cuffie) ma anche a spogliarci di più, fino all’osso, fino a mettere in campo tutta la nostra umanità. Possiamo farlo per poterci avvicinare e toccare l’altro il più possibile, più di quello che forse abbiamo mai fatto.

Scopri tutte le categorie di racconti VIDAS

Operatori
Scopri ora
Volontari
Scopri ora
Donatori
Scopri ora

Scopri tutte
le categorie
di racconti
VIDAS

Novità

La sezione novità è dedicata a te, per rimanere sempre al passo con ciò che succede in VIDAS: qui troverai tutti gli aggiornamenti sulle attività e le nuove possibilità per sostenerci, i prossimi eventi e le iniziative culturali in programma.
Scopri tutti gli articoli

Cultura

Un’intensa attività culturale affianca da sempre quella assistenziale: in questa sezione approfondirai la filosofia ispiratrice di VIDAS e aprirai la mente a una riflessione più ampia su tematiche esistenziali e sociali, sul vivere e sul morire.
Scopri tutti gli articoli
back to top
Stai navigando con Internet Explorer, non tutte le funzionalità di questo sito vengono garantite su questo browser. Per navigare il sito in sicurezza ti consigliamo di usare Chrome, Safari o Firefox.