Ti serve assistenza sanitaria?
21.07.2016  |  Aggiornamenti

21 luglio 2006: il primo giorno dell’hospice

Condividi

Il 21 luglio resterà per noi e per voi, nostri cari e fedeli accompagnatori, una data storica, indimenticabile: l’hospice ha cominciato ad esistere. Lo hanno fatto vivere i primi malati. Una nascita, lo sapete, tante volte annunciata, ma un inizio tanto bello ed originale proprio nessuno se lo sarebbe immaginato. Ve lo raccontiamo così, come si è svolto.

Il primo giorno di Casa Vidas

“Sì, grazie. Un goccio di Bonarda, di quella buona: mi piace tanto!” fu la risposta all’infermiera che le chiedeva quale bevanda preferisse.

La Signora Maria, malata terminale di Sclerosi Laterale Amiotrofica, è stata la prima ospite di Casa Vidas. 86 anni, sola, grande dignità e un’idea chiara: “Non voglio alimentazione artificiale o pasticci del genere”.

Gelati, sorbetti e bevande quelle sì, le gradiva, e, a quanto ha fatto subito intendere, a qualche sorso di Bonarda non intendeva rinunciare.

Ci fu un po’ di trambusto: di vini in Casa Vidas ce n’erano, ma bisognava che fosse proprio quello desiderato. Fu accontentata. E che sorriso, come di bimba, nel veder esaudito un piccolo capriccio! Spesso sono così i malati, lo sappiamo.

E noi siamo sempre lì ad accogliere o intuire i loro desideri: grandi o minimi come questo. Ma preziosi, com’è la vita anche quando la clessidra lascia cadere i suoi ultimi granelli.

Non potevamo fare altro, il pensiero è subito andato a lei, al racconto del primo giorno dell’hospice che la nostra Fondatrice Giovanna Cavazzoni aveva scritto per il Notiziario Insieme a Vidas.

A lei che l’hospice l’ha sognato, voluto e realizzato e dove ha deciso di trascorrere gli ultimi giorni di vita, perché diceva “per me è come essere a casa”. Casa Vidas, lei aveva scelto il nome proprio perché desiderava che i malati si sentissero come a casa propria. Sarà un luogo, diceva sempre, pieno di luce, dove i malati potranno portare i loro ricordi, dove le stanze avranno i nomi dei fiori, dove la o il compagno possa dormire comodamente accanto alla persona amata. Uno spazio nel quale competenza sanitaria, impegno e rigore siano sempre “nutriti” dal calore dall’accoglienza e dal rispetto per ogni essere umano. E così è stato, così è, ancora da 10 anni. Buon compleanno Casa Vidas e grazie ancora una volta Signora Cavazzoni.

Scopri tutte le categorie di racconti VIDAS

Operatori
Scopri ora
Volontari
Scopri ora
Donatori
Scopri ora

Scopri tutte
le categorie
di racconti
VIDAS

Novità

La sezione novità è dedicata a te, per rimanere sempre al passo con ciò che succede in VIDAS: qui troverai tutti gli aggiornamenti sulle attività e le nuove possibilità per sostenerci, i prossimi eventi e le iniziative culturali in programma.
Scopri tutti gli articoli

Cultura

Un’intensa attività culturale affianca da sempre quella assistenziale: in questa sezione approfondirai la filosofia ispiratrice di VIDAS e aprirai la mente a una riflessione più ampia su tematiche esistenziali e sociali, sul vivere e sul morire.
Scopri tutti gli articoli
back to top