Ti serve assistenza sanitaria?
03 Settembre 2020

La storia di Caterina, volontaria VIDAS, a Il Tempo delle Donne

Condividi

Quest’anno si svolgerà la settima edizione de “Il Tempo delle Donne“, un Festival dedicato a incontri, rassegne, spettacoli, momenti di formazione, organizzato sia online che negli spazi del Palazzo della Triennale dal Corriere della Sera da un’idea de La27esimaOra in collaborazione con Io Donna, Fondazione Corriere e Valore D.

Il tema scelto quest’anno è “RiGenerazioni“. Come scrive Barbara Stefanelli: “Dopo questi mesi così dolorosi e tormentati e incerti, sentiamo – e speriamo – che possa essere arrivato il tempo di tentare una rinascita personale/collettiva. Ri-Generazioni, quindi, per ancorarci ai diritti mentre sentiamo la controspinta che ci vorrebbe un passo indietro, per non perdere la fiducia nella nostra capacità di dare forma a mondi migliori e condivisi, per invocare ancora una volta la fine di quelle asimmetrie tra uomini e donne che ripropongono vecchi schemi ormai inefficaci.

Moltissimi incontri e laboratori online, anche per far fronte alle nuove esigenze dettate dall’emergenza sociosanitaria del Covid-19. Ci saranno due giornate dedicate ad appuntamenti dal vivo presso la Triennale di Milano, il 12 e il 13 settembre, e rientreranno nella sezione del palinsesto dal titolo “Inchieste Live”.

VIDAS sarà presente il 13 settembre alle ore 14:00 presso la Triennale di Milano all’interno dell’incontro RI-GENERANTE PER MESTIERE. Cinque storie partite male e finite bene. Anche per noi

Si arriva spesso alla rinascita intesa come un percorso fatto di ostacoli che ci cambia nella mente e nel corpo. E sono proprio i percorsi più ripidi a portarci verso traguardi inaspettati. Queste cinque storie di professioni rigeneranti ci aiutano a capire meglio come una passione imprevista può diventare un’opportunità per sé e per gli altri. E come un passato difficile si fa spinta per affrontare il nostro presente e futuro.

Racconterà la sua storia e il legame con VIDAS Caterina Giavotto, che da editor Mondadori, dopo aver vissuto il dolore in prima persona, ha deciso di cambiare vita, scegliendo di stare accanto ai malati inguaribili.

In VIDAS ho capito che quello che dai è sempre meno di quello che ricevi, e che assistere qualcuno in un momento difficile è un dono

Iscriviti per partecipare all’evento live in Triennale o segui  a questo link gli incontri in streaming

back to top