Ti serve assistenza sanitaria?
12.09.2014

Una morte dignitosa in ospedale è possibile?

Condividi

Che cos’è dignitoso? Che cosa significa dignità? Scommetto che se ci venisse chiesto così, a bruciapelo, di dare significato a questa parola saremmo in difficoltà, chiederemmo forse di poter fare qualche esempio concreto e finiremmo per darne una versione molto personale.

Perché quello di dignità è un concetto soggettivo e mutevole nel tempo, anche grazie alla straordinaria capacità dell’essere umano di integrare dentro di sé il limite, adattandosi ad esso.

Immagine di Simon Bourgeois da Pinterest

Immagine di Simon Bourgeois da Pinterest

Ecco perché parlare di morte dignitosa significa concentrare l’attenzione sulla dignità della vita che volge al termine. Non c’è dignità senza rispetto del soggetto e non ci può essere rispetto senza ascolto di chi abbiamo davanti. Passa tutto da lì, dal bisogno che ciascuno di noi ha di continuare ad essere riconosciuto come soggetto sino alla fine.

L’ospedale non crea le condizioni per fare questo (ne parla in questo articolo La Stampa) e non mi stupisce che gli infermieri se ne accorgano più dei medici. Le ragioni sono molteplici. Addurre, come spesso accade, l’organizzazione come causa prima non risponde però al vero. Manca la formazione per accompagnare le persone morenti ma manca ancora prima una cultura che renda possibile – ai curanti prima che ai curati – di riconoscere la morte come parte della vita.

Scopri tutte le categorie di racconti VIDAS

Operatori
Scopri ora
Volontari
Scopri ora
Donatori
Scopri ora

Scopri tutte
le categorie
di racconti
VIDAS

Novità

La sezione novità è dedicata a te, per rimanere sempre al passo con ciò che succede in VIDAS: qui troverai tutti gli aggiornamenti sulle attività e le nuove possibilità per sostenerci, i prossimi eventi e le iniziative culturali in programma.
Scopri tutti gli articoli

Cultura

Un’intensa attività culturale affianca da sempre quella assistenziale: in questa sezione approfondirai la filosofia ispiratrice di VIDAS e aprirai la mente a una riflessione più ampia su tematiche esistenziali e sociali, sul vivere e sul morire.
Scopri tutti gli articoli
back to top