Ti serve assistenza sanitaria?
12.09.2013

Comprendere l’angoscia attraverso l’arte e la letteratura

Condividi

Bentornati! Vi è capitata una buona estate? La mia, per varie ragioni, è stata milanese: chiusa in studio quasi sempre in aria condizionata, a leggere e scrivere, le giornate son passate via veloci, anche troppo. Ed eccoci di nuovo qui, a settembre, a riprendere i nostri “appunti”. Quello che vi propongo da qualche mese – e così procederà per un po’ – sono brani di una relazione che avevo tenuto in Hospice, nel dicembre scorso: indizi per riflettere su di un approccio al malato “diverso” rispetto a quello strettamente “clinico”. E rivolto a tutti noi: perché in ognuno di noi abitano emozioni “normali”, esattamente come accade nel malato: angoscia, desiderio, rabbia, speranza, tristezza, fiducia… e tanto altro. Non sono certo “patologie”. E se ci è utile incontrare testimonianze di persone speciali che queste emozioni hanno saputo metterle sulla carta, sulla tela, in musica, allora, ecco, proviamo a intercettarne qualcosa che possa funzionare da suggerimento. Forse guardare attraverso tanta bellezza, e tanta sofferenza, parlerà anche a noi: forse, possiamo parlare meglio al malato.

Edward Munch, L’urlo (1893)

Edward Munch (1863-1944)
L’urlo (1893)

Urlo

Io, il fanciullo, mi vidi in sogno angelo, cavaliere.
Mi atterrò una folgore:
La vita mia si disfece.
Domandai:
Ove sono i doni della mia esistenza?
O mondo, come sei amaro!
Lamentai:
Il tempo è Dio,
Luogo la morte.
Conoscere vorrei la bestia
che divora il tempo!
ALBERT EHRENSTEIN, in Poeti espressionisti tedeschi, Feltrinelli, 1970

Francis Bacon, Tre studi per autoritratto (1976). Fonte: https://www.deluxeblog.it/post/13756/allasta-due-opere-di-francis-bacon-per-45-milioni-di-dollari

Francis Bacon (1909-1992)
Tre studi per autoritratto (1976)

Non ho percepito il tutto, in una volta sola –
È stato un assassinio per gradi – un colpo –
La dilacerazione – e poi la pausa –
Così che la vita cauterizzasse la gioia.

Il gatto dà tregua al topo
Allenta la presa dei denti
Abbastanza da farlo sperare –
Poi, lo stritola a morte.

È il premio della vita – morire –
meglio in una volta –
piuttosto che a metà, per poi
riaversi – certi
di un’Eclisse totale.
EMILY DICKINSON, Silenzi, Feltrinelli, 1986

Scopri tutte le categorie di racconti VIDAS

Operatori
Scopri ora
Volontari
Scopri ora
Donatori
Scopri ora

Scopri tutte
le categorie
di racconti
VIDAS

Novità

La sezione novità è dedicata a te, per rimanere sempre al passo con ciò che succede in VIDAS: qui troverai tutti gli aggiornamenti sulle attività e le nuove possibilità per sostenerci, i prossimi eventi e le iniziative culturali in programma.
Scopri tutti gli articoli

Cultura

Un’intensa attività culturale affianca da sempre quella assistenziale: in questa sezione approfondirai la filosofia ispiratrice di VIDAS e aprirai la mente a una riflessione più ampia su tematiche esistenziali e sociali, sul vivere e sul morire.
Scopri tutti gli articoli
back to top