Ti serve assistenza sanitaria?
07.06.2021  |  Operatori

Il percorso educativo nelle cure palliative pediatriche: la testimonianza di Marta Scrignaro, educatrice VIDAS

Condividi

Nell’ambito delle cure palliative pediatriche è molto importante la presa in carico globale del paziente e della sua famiglia, attraverso il lavoro integrato di tutti gli operatori dell’équipe multidisciplinare. In questo contesto assume particolare rilevanza il ruolo dell’educatore, un professionista fondamentale per dare voce a tutti i protagonisti coinvolti nella storia di malattia – paziente, genitori, fratelli, nonni, scuola, amici. Grazie al contributo di Marta Scrignaro, educatrice VIDAS, abbiamo ripercorso le principali attività degli educatori di Casa Sollievo Bimbi e gli obiettivi dei progetti educativi che ogni anno coinvolgono bambini e adolescenti malati inguaribili.

Il ruolo dell’educatore

L’educatore, come tutte le figure dell’équipe, si occupa di tutto il nucleo familiare attraverso una presa in carico globale, ma con obiettivi e finalità diverse a seconda dei componenti e del ruolo che giocano. La sua attivazione quindi non è solo rivolta al bambino o adolescente affetto da patologia, ma include anche una relazione con i genitori e con i siblings, fratelli e sorelle del piccolo malato.

L’educatore in questo ambito diviene un tessitore di legami, come ci spiega Marta:

Essere educatore significa, per me, divenire un tessitore di legami, un sarto di storie che danno voce (ex-ducere) a tutti i diversi protagonisti coinvolti nel percorso di malattia – paziente, genitori, fratelli, nonni, scuola, amici – ciascuno portatore di bisogni e punti di vista unici e personali che possono faticare, in autonomia, a comporsi in una trama unitaria. Grazie al filo dell’ascolto empatico, cerco di tessere su misura una pluralità di attività educativo-ricreative che permettano alle risorse e ai bisogni evolutivi del paziente e del suo nucleo famigliare e sociale di trovare un proprio spazio di espressione e connessione”.

Lo scopo del lavoro dell’educatore è riportare la componente di gioco, di creatività ma anche di leggerezza nella vita dei pazienti che segue, in modo da permettere al bambino e alla sua famiglia di non sostare solo sulla componente della malattia, spesso troppo ingombrante e totalizzante, ma ritrovare una dimensione di normalità.  Nei casi di bambini e minori in fase terminale, il ruolo dell’educatore è un po’ diverso, come ci racconta Marta:

è esaudire i desideri, perché il fine vita diventa una zona intima e sacra, quella della stanza dove avviene. Per esempio una volta abbiamo anticipato la festa di compleanno di un bambino, un altro bambino ha voluto un porcellino d’india, la situazione è stata molto simpatica perché alla fine nel miniappartamento c’erano mamma, papà, il bimbo, i due fratellini, il cane, il porcellino d’India e hanno portato anche foto e altri oggetti per trasformare la stanza nella loro casa, oppure penso ad un ragazzo che ha espresso il desiderio di cucinare in un ristorante stellato, era così felice con il cappello da chef in testa alle prese con gli altri cuochi!”.

Gli obiettivi del progetto educativo

L’intervento educativo è guidato da uno sguardo centrato sulla persona che osserva il neonato, il bambino e l’adolescente come unità complessa e che intende restituirgli la possibilità di prendere coscienza del proprio corpo, delle proprie sensazioni ed espressioni attraverso molteplici linguaggi.

I bisogni educativi prioritari di un bambino con malattia inguaribile sono estremamente diversi, dinamici e in continua evoluzione sia come intensità che come prevalenza lungo tutto il percorso di malattia. Il progetto educativo pertanto, viene elaborato in funzione di:

Sulla base di questi criteri l’educatore insieme al resto dell’equipe sviluppa un progetto educativo individualizzato, che risponda ai seguenti obiettivi:

Le attività educative in Casa Sollievo Bimbi

Una volta definite le esigenze educative specifiche di ciascun minore, l’educatore coordina le diverse professionalità che propongono le terapie complementari, quali ad esempio:

Ovviamente ogni attività viene attivata in base ai bisogni, ai canali sensoriali privilegiati e in relazione all’età: alcuni adolescenti ad esempio creano videomaking, anche grazie al sostegno di DynamoCamp, altri invece amano dipingere, altri ancora raccontare storie.

Da un punto di vista educativo, all’interno di Casa Sollievo Bimbi vengono offerti questi servizi:

È ancora Marta a spiegarci meglio come vengono attivati questi servizi:

“I tempi e gli strumenti con cui declinare ciascun percorso sono dettati dalla fase e traiettoria di malattia in cui si trova la famiglia alla nostra presa in carico, nonché all’età e alla fase di sviluppo del minore. L’approccio che guida i diversi incontri si fonda sull’utilizzo del linguaggio simbolico, privilegiando l’offerta di linguaggi e materiali artistico espressivi (disegno, didò, plastilina, strumenti musicali etc.) e narrativi (lettura di fiabe, creazione di storie, ascolto di musiche etc.)”.

Il supporto a genitori e sibling

Il percorso educativo per genitori prevede spazi di counselling e momenti di interazione congiunta tra professionisti, minori, fratelli e genitori al fine di:

Marta infatti ci spiega che:

Sostenere lo sviluppo e la crescita di bambini e adolescenti in condizioni di inguaribilità è un compito molto complesso per i genitori, che spesso si trovano a dover assumere un ruolo tecnico accudente che rischia di mettere in secondo piano il loro ruolo genitoriale”.

Allo stesso modo, affrontare la malattia di un fratello o di una sorella è un’esperienza molto impegnativa sul piano emotivo-affettivo. Ecco perché l’educatore lavora anche con i sibling che lo desiderano, accompagnandoli a scoprire i diversi canali comunicativi e relazionali più efficaci per interagire con il proprio fratello o sorella affetto da una malattia inguaribile e portatore di bisogni speciali, attraverso momenti di gioco e interazione congiunta alla presenza dell’operatore.

Scopri tutte le categorie di racconti VIDAS

Operatori
Scopri ora
Volontari
Scopri ora
Donatori
Scopri ora

Scopri tutte
le categorie
di racconti
VIDAS

Novità

La sezione novità è dedicata a te, per rimanere sempre al passo con ciò che succede in VIDAS: qui troverai tutti gli aggiornamenti sulle attività e le nuove possibilità per sostenerci, i prossimi eventi e le iniziative culturali in programma.
Scopri tutti gli articoli

Cultura

Un’intensa attività culturale affianca da sempre quella assistenziale: in questa sezione approfondirai la filosofia ispiratrice di VIDAS e aprirai la mente a una riflessione più ampia su tematiche esistenziali e sociali, sul vivere e sul morire.
Scopri tutti gli articoli
back to top
Stai navigando con Internet Explorer, non tutte le funzionalità di questo sito vengono garantite su questo browser. Per navigare il sito in sicurezza ti consigliamo di usare Chrome, Safari o Firefox.