Ti serve assistenza sanitaria?
17.04.2014  |  Cultura

Stanchezza

Condividi

Voci meravigliose di due donne poetesse. Marina Cvetaeva (si pronuncia Zvietàieva ), ebbe una vita tormentatissima: conobbe la miseria, la persecuzione, i lutti, e morì suicida. Emily Dickinson, invece, tranne che in una sola occasione, non si mosse mai da Amherst, paesino del Massachuttets, e nemmeno, negli ultimi tempi, dalla propria stanza. Due percorsi e due voci molto diverse – Cvetaeva nell’impegno civile e politico, Dickinson in ascolto introspettivo caleidoscopico – ci suggeriscono due declinazioni differenti della stanchezza, della spossatezza che ci abitano a volte nella vita, per dolore, difficoltà, malattia.

Come al solito associo liberamente: insieme alle liriche brevi di queste donne impagabili, una musica di Battiato. L’Oceano di Silenzio è composto in collaborazione con Fleur Jaeggy, che per questo brano inventa due testi in tedesco, e Battiato li inserisce. Il primo: “Der Schmerz, der Stillstand des Lebens/ Lassen die Zeit zu lang erscheinen”. Il dolore, il fermarsi della vita/ lasciano apparire il tempo troppo lungo. Il secondo: “Und mir scheint fast/ Dass eine dunkle Erinnerung mir sagt/ Ich hatte in fernen Zeiten/ Dort oben oder im Wasser gelebt”. E mi pare quasi che un oscuro ricordo/ mi dica che ho vissuto in tempi lontani/ o là in alto, o nell’acqua.

Dopo un grande dolore, i sensi solenni s’atteggiano –
Come tombe i nervi siedono cerimoniosi –
Il cuore, irrigidito, si chiede: fui io a sopportare
e fu ieri, o secoli addietro?

Meccanici si muovono i piedi –
Percorso di terra, di aria, di nulla –
Un cammino legnoso,
che va a caso,
una pace di quarzo, come pietra –

Questa è l’ora di piombo –
che ricorda chi sopravvive
come gli assiderati, la neve
Dapprima una sensazione di freddo – poi lo stupore –
Infine la resa.
EMILY DICKINSON, Silenzi, Feltrinelli, 1986

emily dickinson

Nell’immagine di Emily Dickinson, la più nota tra le pochissime che abbiamo, stanno i primi quattro versi di una poesia del 1863. “Poiché per la Morte non potevo fermarmi,/ gentilmente la Morte si fermò per me./ Per noi soli in carrozza c’era spazio – /E per l’Immortalità”.

Con me non bisogna parlare,
ecco le labbra: date da bere.
Ecco i miei capelli: carezzali.
Ecco le mani: si possono baciare.
Meglio, però, fatemi dormire.
MARINA CVETAEVA, Poesie, Feltrinelli, 1979

Gli occhi chiusi - Redon
Odilon Redon (1840-1916)
Gli occhi chiusi (1890)

Scopri tutte le categorie di racconti VIDAS

Operatori
Scopri ora
Volontari
Scopri ora
Donatori
Scopri ora

Scopri tutte
le categorie
di racconti
VIDAS

Novità

La sezione novità è dedicata a te, per rimanere sempre al passo con ciò che succede in VIDAS: qui troverai tutti gli aggiornamenti sulle attività e le nuove possibilità per sostenerci, i prossimi eventi e le iniziative culturali in programma.
Scopri tutti gli articoli

Cultura

Un’intensa attività culturale affianca da sempre quella assistenziale: in questa sezione approfondirai la filosofia ispiratrice di VIDAS e aprirai la mente a una riflessione più ampia su tematiche esistenziali e sociali, sul vivere e sul morire.
Scopri tutti gli articoli
back to top
Stai navigando con Internet Explorer, non tutte le funzionalità di questo sito vengono garantite su questo browser. Per navigare il sito in sicurezza ti consigliamo di usare Chrome, Safari o Firefox.