Ti serve assistenza sanitaria?
24.06.2013

Le emozioni del malato: tristezza e desiderio

Condividi

Ricordate? Nella “puntata precedente” avevo introdotto questo tema: “Indizi per un ascolto emozionale“. Ascolto del malato, naturalmente. Sono soltanto spunti, e nulla vieta che possano agire anche dentro di noi, nell’occasione dell’approccio. Proseguiamo allora con alcuni temi, sempre associati ad immagini e letture. Ho cercato di tracciarli come un possibile sentiero che percorra sentimenti ed emozioni diverse. Emozioni che il malato può provare, ma che appartengono, senza “patologia” alcuna,  a ciascuna delle nostre vite. Forse, pensando a quante costellazioni emotive noi stessi attraversiamo, nello stare vicino a chi ha poco tempo da vivere può cambiare un poco il passo, il modo dell’assisterlo.

Tristezza/malinconia

Abiti
Dentro una cassa o in un mobile d’ebano prezioso riporrò e conserverò gli abiti della mia vita.
I vestiti azzurri. Poi quelli rossi, i più belli di tutti. Quindi quelli gialli. E infine di nuovo quelli azzurri,
ma assai più stinti questi ultimi dei primi.
Li conserverò devotamente e con molta pena.
Quando mi vestirò di nero, e abiterò in una casa nera, dentro una stanza oscura, ogni tanto aprirò il mobile con gioia, con desiderio e con disperazione.
Vedrò i vestiti e ricorderò la grande festa – che sarà definitivamente conclusa allora.
Definitivamente conclusa. I mobili sparsi in disordine nelle sale. Piatti e bicchieri frantumati a terra.
Tutte le candele consumate. Tutto il vino bevuto. Tutti gli ospiti andati. Qualcuno, stanco, se ne starà solo,
come me, in una casa oscura – altri più stanchi saranno già a dormire.
COSTANTINO KAVAFIS, La memoria e la passione, Un secolo di poesia,
Edizioni Corriere della Sera 2011

Boecklin_-_Island_of_the_Dead,_Third_Version

Arnold Böcklin (1827-1901)
L’isola dei morti (1880)

La memoria di una condizione di tristezza non è scolorita e indistinta; ma è, anzi, molto viva sulla scia delle risonanze emozionali che essa ha in sé e porta in sé. Nella tristezza normale, o motivata, le emozioni non si indeboliscono e nemmeno si cancellano, e così esse come sonde luminose ri-chiamano dal passato (dalla memoria) uno sciame di immagini e di esperienze che sarebbero altrimenti silenziose e acquattate.
EUGENIO BORGNA, Noi siamo un colloquio, Feltrinelli 1999

Edgar Degas (1834-1917)
L’assenzio (1876)

Desiderio

Troppo piccoli sono i desideri dell’animo

Troppo piccoli sono i desideri dell’animo
perché si deve poi morire e svanire,

per il giovane è meglio guardar la morte
dal volto oscuro che l’onta patire.

E se eterna fosse la vita
che senso avrebbe il coraggio,

e se necessaria la morte,
che almeno non sia svilita.
AL-MUTANABBĪ, Poesia straniera (Araba), Edizioni La Biblioteca di Repubblica

Gustav Klimt (1882-1918)
Il bacio (1907)

Ricorda, corpo

Ricorda non solo quanto fosti amato, corpo,
non solo i letti sopra cui giacesti, ma anche quei desideri che per te
brillavano negli occhi apertamente,
tremavano nella voce – resi vani
da qualche impedimento casuale.
Ora che tutto è parte del passato, è come se ti fossi concesso
anche a quei desideri – ricordali brillare
negli occhi volti verso di te,
tremare nella voce, per te, ricorda, corpo.
COSTANTINO KAVAFIS, La memoria e la passione, Un secolo di poesia, Edizioni Corriere della Sera 2011

Scopri tutte le categorie di racconti VIDAS

Operatori
Scopri ora
Volontari
Scopri ora
Donatori
Scopri ora

Scopri tutte
le categorie
di racconti
VIDAS

Novità

La sezione novità è dedicata a te, per rimanere sempre al passo con ciò che succede in VIDAS: qui troverai tutti gli aggiornamenti sulle attività e le nuove possibilità per sostenerci, i prossimi eventi e le iniziative culturali in programma.
Scopri tutti gli articoli

Cultura

Un’intensa attività culturale affianca da sempre quella assistenziale: in questa sezione approfondirai la filosofia ispiratrice di VIDAS e aprirai la mente a una riflessione più ampia su tematiche esistenziali e sociali, sul vivere e sul morire.
Scopri tutti gli articoli
back to top